Perdere mezzo chilo al giorno con la dieta Scarsdale

Pubblicato in: Diete

Tag:, , ,

La dieta Scarsdale è un regime alimentare a basso contenuto di carboidrati ideato dal cardiologo Herman Tarnower e dal dottor Samm Sinclair Bake, dell’omonima cittadina statunitense. Come tutte le diete di questo tipo, prevede un elevato apporto proteico ed una rapida perdita di peso che avviene nelle prime 2 settimane, alle quali seguono altre 2 settimane di mantenimento.

La dieta Scarsdale prevede un apporto calorico giornaliero di circa 1.000 calorie da suddividere in 3 pasti, quali la colazione, il pranzo e la cena. Questi devono saziare l’organismo quanto basta ed evitare assolutamente di appesantirlo. Nel caso si percepisca un’intensa sensazione di fame, si possono consumare degli snack a base di carote e sedano. È importante assumere una quantità di liquidi tale da mantenere l’organismo sempre idratato, quindi almeno 2 litri d’acqua giornalieri, e sopratutto evitare qualsiasi alimento o condimento ricco di grassi, come l’olio ed il burro.

Durante la prima fase, che deve durare 2 settimane, si può notare una repentina perdita di peso corporeo, che si attesta intorno ai 500 grammi al giorno. Nella fase successiva, anch’essa di 2 settimane, l’obiettivo è il mantenimento del peso corporeo raggiunto.

Dieta ScarsdaleLa colazione della dieta Scarsdale è statica e prevede una colazione con mezzo pompelmo o, se questo non è disponibile, un frutto di stagione, una fetta di pane integrale tostato ed un tè oppure un caffè, rigorosamente privi di zucchero. Il pranzo e la cena, invece, si devono variare scegliendo tra la carne magra, il pesce oppure le uova accompagnate da delle verdure, un’insalata o una macedonia, nonché un altro tè o caffè e, naturalmente, tanta acqua. È consigliabile cucinare utilizzando le erbe aromatiche, le spezie e la cipolla grattugiata, mentre il sale, il ketchup e la mostarda si possono introdurre nei piatti con moderazione.

Alcuni cereali, verdure e legumi, quali il mais, i piselli, le patate, le lenticchie ed i fagioli, non sono ammessi nel regime alimentare.

Commanta l'articolo

Go Top