Pausa pranzo: come godersela in modo naturale e ripartire con grinta

Pubblicato in: Salute

Tag:, , ,

I ritmi serrati della vita di tutti i giorni non consentono di godere in pieno della pausa pranzo. Eppure il break a metà giornata dovrebbe essere un momento di relax, che consenta di ricaricare le batterie prima di tornare a lavoro.
Uno stacco dall’attività lavorativa è essenziale ma purtroppo capita spessissimo di finire con l’impiegare l’ora del pranzo per portare a termine altri lavori. Non ci si fa caso, ma inevitabilmente si finisce a mangiare di corsa davanti a un computer o davanti la pila di carte in ufficio e questo non fa altro che peggiorare la situazione. La pausa pranzo si trasforma da un momento di rilassamento a un momento di lavoro reso ancor più stressante e faticoso di quanto non sia normalmente. Non rinunciare alla meritata pausa pranzo, ecco i cinque consigli d’oro che ti permetteranno di ottenere il massimo beneficio possibile da questo prezioso momento della giornata lavorativa.

Non saltare la pausa pranzo: si tratta del pasto più importante della giornata. Mangiando si reintegrano tutte le sostanze nutritive che sono state consumate nel corso del giorno lavorativo. Il metabolismo porta ad esaurimento le risorse energetiche e se si salta il pranzo queste non vengono reintegrate. Il risultato è una netta debolezza nel pomeriggio che anche se non viene percepita, agisce. Per essere sicuri di restare efficiente per tutto il giorno è importante consumare un pasto adeguato.

Pausa pranzoMangia con calma e naturalezza: farlo di fretta può rovinare l’intero pasto. Se non ci si concentra sul pranzo, mangiando tenendo continuamente sotto controllo l’ora, si rischia di non dare al corpo il tempo di raggiungere la sensazione di sazietà. Se ci si alza da tavola con la fame si rimane tutto il giorno in uno stato di nervosismo che porta a sua volta ad una riduzione dell’efficienza lavorativa. Inoltre mangiare di fretta può rovinare la digestione ed è bene evitare di stare male durante il giorno a lavoro. Dedicare il giusto tempo al cibo, mangiare lentamente e fare le cose con calma aiuta a godere in pieno della pausa.

Non parlare di lavoro: se la pausa pranzo è condivisa con i colleghi, non si deve assolutamente parlare di questioni lavorative. Approfitta della pausa pranzo per condividere altri argomenti con i colleghi. Sviluppa amicizie e conoscenze, trasformando la pausa pranzo in un piacevole momento di aggregazione sociale durante il quale rilassarsi, staccare la mente dal lavoro e ricaricarsi prima di ricominciare a lavorare.

Lascia stare lo smartphone ed il tablet: avere sempre a portata di mano questi due strumenti significa, con molte probabilità, automaticamente essere sempre in contatto con il lavoro. Evitare di tenere vicino tutti i dispositivi che in qualche modo potrebbero riportare ad attività lavorative. La pausa pranzo è un momento in cui non si deve assolutamente lavorare.

Dedica qualche minuto all’attività fisica: anche solo una piccola attività fisica dopo il pranzo aiuta il corpo a riattivarsi. Il metabolismo accelera quando ci si muove e questo favorisce una buona digestione e di conseguenza favorisce una buona giornata. Andare a prendere un caffè al bar vicino all’ufficio ad esempio, può attivare il corpo senza comportare un reale sforzo fisico.

Commanta l'articolo

Go Top