Migliorare la circolazione sanguigna in modo naturale

Il sistema circolatorio, costituito dalle vene, le arterie ed i capillari che consentono al sangue di irrorare l’intero organismo, riveste un ruolo essenziale per il suo funzionamento. È importante favorirlo e mantenerlo in perfetta salute, in modo che possa effettuare il trasporto dell’ossigeno e delle sostanze nutritive ad ogni singola cellula dei tessuti in modo efficiente. I problemi al sistema circolatorio possono manifestarsi con diverse conseguenze negative sulla salute: senso di gonfiore e pesantezza degli arti inferiori, cellulite, emorroidi e vene varicose sono solo alcuni degli effetti che una circolazione non efficiente può avere sul nostro organismo.

I rimedi naturali, nel contesto di una vita sana e di un’alimentazione corretta, possono fornire un ottimo supporto per il benessere dell’apparato circolatorio, aiutandolo a trovare il suo naturale vigore. Tra i rimedi più apprezzati contro i disturbi della circolazione si annoverano diverse erbe comuni, molte delle quali sono particolarmente diffuse ed estremamente facili da reperire, in natura o in commercio.

La borragine è una pianta presente in tutto il bacino del Mediterraneo e da sempre conosciuta per le sue numerose proprietà curative. L’olio di borragine è infatti ricco di sostanze utili per il cuore e le pareti dei vasi sanguigni: favorisce la vasodilatazione e la fluidificazione del sangue, e grazie alle sue capacità antinfiammatorie e di riduzione del colesterolo riveste un ruolo importante nella salvaguardia del cuore e della sua funzionalità.

AchilleaQuando i disturbi circolatori si traducono in patologie dolorose come emorroidi, gengive infiammate o emorragie, la soluzione potrebbe venire dall’achillea. Quest’erba, infatti, è nota per le sue proprietà astringenti, in grado di contenere la dilatazione dei vasi sanguigni e di arrestare le emorragie. Si tratta di un ottimo rimedio in tutti quei disturbi legati a uno stato di generalizzata fragilità dei capillari.

Grazie ai flavonoidi in essa contenuti, anche l’ortica è indicata in caso di patologie legate alla fragilità capillare. Come l’Achillea, infatti, possiede proprietà antiemorragiche e astringenti. Può anche essere un valido aiuto contro le irregolarità del ciclo mestruale.

L’assunzione del meliloto, invece, aiuta a contrastare la stasi venosa, riducendo i sintomi a essa legati. Si tratta di un vero e proprio elisir naturale in caso di gambe pesanti, ma anche di varici o emorroidi.

La Centella asiatica migliora l’elasticità delle pareti dei vasi ed è indicata soprattutto per i problemi linfatici e sanguigni che colpiscono gli arti inferiori. Grazie all’estratto di quest’erba si possono contrastare disturbi come emorroidi, arti pesanti e gonfi e cellulite.

L’utilizzo di queste erbe officinali non presenta particolari controindicazioni, ma deve avvenire nel rispetto della posologia indicata dal medico omeopata. È importante attenersi alle dosi consigliate, soprattutto quando si stanno assumendo altri farmaci o rimedi specifici, riduce il rischio di effetti collaterali.

Commanta l'articolo

Go Top