L’astragalo cura i malanni invernali nei bambini

L’Astragalus membranaceus o, più semplicemente, astragalo è una pianta perenne originaria dell’Estremo Oriente e della Siberia, che si sta diffondendo sempre di più in qualità di rimedio naturale esente da particolari controindicazioni. Solo in caso di persone affette da malattie autoimmuni o che sono in trattamento con farmaci immunosoppressori se ne sconsiglia l’uso. Lo si può trovare sotto forma di compresse, capsule, tintura o utilizzarlo come decotto. Per stimolare la produzione di anticorpi va assunto per almeno 2-3 settimane, prima dei pasti.

L’estratto della radice della pianta di astragalo possiede delle proprietà antivirali, antibatteriche, antinfiammatorie e stimola il sistema immunitario, che lo rendono il rimedio ideale per prevenire e alleviare malattie invernali come l’influenza e il raffreddore. Mentre la normale terapia farmacologica delle patologie delle vie respiratorie si occupa di alleviare i sintomi più comuni, come la febbre, la tosse e la rinite, l’astragalo è impiegato per agire in modo più profondo aumentando le difese immunitarie dell’organismo e quindi aiutarlo a guarire prima, a prevenire la comparsa dei sintomi e comunque ad alleviarli se già presenti. Nel periodo più freddo dell’anno, tra la fine della stagione autunnale e l’inizio di quella primaverile, i bambini sono molto soggetti al raffreddore, causato dal rhinovirus, e all’influenza, provocata dal mixovirus. L’uso dell’astragalo, eventualmente combinato con altre piante immunostimolanti come l’echinacea, il ginseng e l’uncaria, aiuta i piccoli ad affrontare i rigori del clima rigido ed a difendersi dalle malattie.

Radice di astragaloPer prevenire l’influenza e il raffreddore occorre iniziare ad assumere l’astragalo dai primi giorni del mese di ottobre, prima dell’arrivo del grande freddo, in modo che il potenziamento del sistema immunitario del bimbo riduca al minimo la possibilità di essere colpito dai mali di stagione. Oltre all’associazione con altri rimedi fitoterapici, come già spiegato, è molto utile l’apporto di vitamina C e zinco, molto importanti per l’efficienza delle difese immunitarie. L’assunzione regolare dell’estratto secco della radice della pianta riduce notevolmente la gravità dei sintomi delle patologie dell’apparato respiratorio.

I principi attivi dell’astragalo sono dei particolari polisaccaridi, gli astragaloglucani e gli astragalani, grazie ai quali si verifica un incremento degli anticorpi IgM, IgE e interferone da parte dei globuli bianchi. Le saponine contenute nell’estratto della pianta, inoltre, aumentano il numero e l’efficienza dei macrofagi, i globuli bianchi deputati ad aggredire e distruggere gli agenti patogeni e le cellule NK, ovvero natural killer. La replicazione dei virus dell’influenza e del raffreddore è quindi inibita e i responsabili eliminati. Occorre comunque sottolineare che è importante anche curare l’alimentazione del bambino per assicurarsi che assuma adeguate quantità di vitamina C e zinco, come già accennato. Il piccolo dovrà quindi mangiare frutta fresca e ortaggi, preferibilmente quelli di colore giallo, arancione e rosso, pesce, legumi, frutta secca e cereali.

Commanta l'articolo

Go Top